Qui sotto ci sono i "post" più recenti pronti da srotolare... Se invece vuoi saltare di palo in frasca puoi navigare nell'archivio minchiate qui a lato. Iscriviti alla newsletter! Fai un salto su "Racconti e storie...". (il disegno del banner con il gatto blu è di Tsu-mina).


mercoledì 21 maggio 2008

CULO ALTO CI FO' UN SALTO!!! (DUE)

... a proposito del post di qualche giorno fa, come promesso eccovi una piccola perla: una poesia "erotica" napoletana dell'800 in cui si magnificava senza economia di termini e fantasia l'amore immenso per uno dei principali oggetti dei desideri maschili. Un bel culo (o un culo qualsiasi!!!)




‘O CULO

Culo nceràto, culo chiatto e tùnno,
tuosto comm'a nu marmulo rasato,
ca doppo ciento vote maniàto
tu si' ssempre o chiù tuosto 'e tutt' 'o mùnno...

Culo, muntagna 'è sfizio senza funno,
ca si te sònno pronto e appuzàto,
quanno me scèto sto accussì arrapato
ca scassarrìa de cule nu zeffunno...

Culo cchiù ffrisco 'e nu mellone d'acqua...
vieneme a rrefrescà st'anema nera!
vieneme a ccunzulà st'anema stracqua!...

tu ca pell' addòre te chiammèjno mazzo,
culo, frutto nuvièllo 'e primmavèra,
tu arrappresiente 'a Sguizzera d' 'o cazzo!!
anonimo napoletano dell'800


4 commenti:

Anonimo ha detto...

bonjour finesse!

Giuseppe Gatto ha detto...

@anonimo: oh, qua si dice pane al pane e culo al culo! e poi sta poesia è strepitosa (yes, I sing and I play - me la canto e me la suono!).

MariaPaola ha detto...

ho letto, tanto tempo fa un testo di letteratura in napoletano dell'800, tradotto ovviamente,altrimenti non ci avrei capito nulla.

posso dedurre che i concetti letterari sono incomprensibili ma la letteratura "erotica" dello stesso periodo si spiega da sè?

Giuseppe Gatto ha detto...

... volevo mettere la traduzione... ma poi ho pensato che anche se può sfuggire qualche parola il succo, l'ironia e la goliardia nel suo insieme "bucano" ugualmente lo schermo del PC...
Comunque se serve qualche supporto dal dizionario napoletano-italiano sono qui!