Qui sotto ci sono i "post" più recenti pronti da srotolare... Se invece vuoi saltare di palo in frasca puoi navigare nell'archivio minchiate qui a lato. Iscriviti alla newsletter! Fai un salto su "Racconti e storie...". (il disegno del banner con il gatto blu è di Tsu-mina).


domenica 25 maggio 2008

DELIRIO...

dal blog di Beppe Grillo

Comunicato politico numero dodici
Delirio. Il ponte sullo stretto di Messina. Delirio. Le centrali nucleari. Delirio. L’esercito in Campania. Delirio. I nuovi inceneritori. Delirio. I condannati in Parlamento. Delirio. Il 95% dei reati impuniti grazie alle leggi ad personam. Delirio. Testa d’Asfalto presidente del Consiglio grazie alle concessioni televisive di Craxi. Delirio. La legge elettorale porcata. Delirio. Le elezioni politiche incostituzionali. Delirio. La volontà popolare ignorata con la cancellazione dei referendum sulla legge elettorale, sul finanziamento pubblico ai partiti e sul NO al nucleare. Delirio. L’Italia senza libera informazione, tra il Botswana e l’Iraq. Delirio. Campania, Calabria, Puglia e Sicilia in mano alle mafie. Delirio. I roghi contro i campi Rom. Delirio. Bassolino e Iervolino non si dimettono. Delirio. Topo Gigio non li licenzia. Delirio. Ignorata la sentenza della Corte di Giustizia Europea contro la legge Gasparri. Delirio. Rete 4 ci costa 350.000 euro di multa ogni giorno dal primo gennaio 2006. Delirio. Amanti, segretarie, avvocati di fiducia, portavoce e tirapiedi sono senatori e deputati. Delirio. E’ assente solo il cavallo di Caligola. Delirio. L’allargamento delle basi americane in Italia. Delirio. Andreotti prescritto per mafia e senatore a vita. Delirio. I miliardi di euro della Comunità Europea scomparsi per magia in Campania. Delirio. La moratoria per gli ingressi dalla Romania applicata in quasi tutta Europa dal primo gennaio 2007, ma non in Italia. Delirio. 22.000 imprese italiane in Romania con i finanziamenti della Comunità Europea (le nostre tasse) e la disoccupazione in Italia. Delirio...
Delirio. Il Paese è entrato in un nuovo stato: il delirio. “Uno stato di alterazione e confusione mentale, con agitazione motoria e allucinazioni, dovuto a accessi febbrili acuti e malattie mentali” (Il Nuovo Zingarelli).

7 commenti:

Bastian Cuntrari ha detto...

... e mi sa che siamo solo all'inizio della confusione mentale, caro Giuse!
Un salutone.

MariaPaola ha detto...

cerco il positivo...
durante ii delirio i grandi sogni diventano possibili realtà.....
dopo le grandi febbri i bambini crescono...
dopo le grandi febbri il sistema immunitario ne esce rinforzato...
dopo le grandi febbri un organismo ne esce rinnovato, ripulito da tutte le schifezze!!!!!!
è dall' interno che nasce la vera capacità di rezione non distruttiva ma risanatrice.
Fidiamoci della grande massa di cellule sane dell'organismo ITALIA: sono attive e stanno attivando il sistema.
La medicina giusta non viene dal medico esterno ma da qull'istinto di sopravvivenza che ogni organismo possiede.
voglio essere ottimista e seppellire le mia rabbia!!!!

Pape Satan Aleppe ha detto...

Ok per scambio link
Ti ho linkato su PapeSatanAleppe
http://papesatanaleppe.blogspot.com/

Federico ha detto...

E la cosa ancora più grave è che non si vede una soluzione all'orizzonte..

Jacopo ha detto...

Ha delirato abbastanza anche francesco alberoni sul corriere della sera, se hai visto Marco Travaglio sul sito di Grillo.
Ciao, Jacopo.

Guardatevi anche questo blog:
http://coqbaroque.blogspot.com/

Giuseppe Gatto ha detto...

francescoalberoni (scusate il termine) lo odio già dagli anni ottanta per le cretinaggini e le banalissime ovvietà che dispensava già allora sul corriere. mi sconvolge il fatto che un tale nonmivieneunaggettivoabbastanzadispregiativo venga ospitato su un quotidiano comunque importante (anche se ormai completamente asservito al potere). Mah!

Alessandro Arcuri ha detto...

Federico... la soluzione ci sarebbe; come dice Travaglio: "molti mi chiedono che cosa dobbiamo fare, che cosa possiamo fare: informarci. Quando uno si informa è molto più difficile prenderlo per il culo."
E non solo lui!
Leggi:
http://www.danieleluttazzi.it/node/355