Qui sotto ci sono i "post" più recenti pronti da srotolare... Se invece vuoi saltare di palo in frasca puoi navigare nell'archivio minchiate qui a lato. Iscriviti alla newsletter! Fai un salto su "Racconti e storie...". (il disegno del banner con il gatto blu è di Tsu-mina).


mercoledì 22 ottobre 2008

UN SALUTO DI CUORE


Vittorio Foa si è spento a Formia dopo una lunga malattia. Un combattente, un politico, un giornalista e uno storico. Si è spento all’età di 98 anni, dopo settant'anni di estenuanti lotte, dagli esordi in Giustizia e Libertà negli anni Trenta passando per la Resistenza, la militanza nel Psi, nella Cgil, nel Psiup, per finire come indipendente tra le fila del Pci.

Foa nacque a Torino il 18 settembre 1910 da una famiglia ebraica per parte di padre. A 23 anni entrò nel movimento antifascista Giustizia e libertà, nel 1935 venne arrestato e condannato a 15 anni. Uscì dal carcere solo nel 1943, nel settembre entrò nel Partito d'azione (Pda) e per lo stesso partito fu rappresentante nel Comitato di liberazione nazionale (Cln).

In un'intevista dell'agosto 2006, disse: «Sarebbe ora di finirla con questa damnatio memoriae per cui la storia del Novecento ruota intorno ai comunisti, agli ex comunisti e ai comunisti o filocomunisti pentiti. C'è una grande storia che è stata rimossa: quella degli antitotalitari democratici e liberali – anticomunisti e antifascisti – che non hanno avuto bisogno di rivelazioni tardive, di omissioni generalizzate e di compiacenti assoluzioni».

«È un immenso dolore per noi, per il popolo italiano, è un immenso dolore per gli italiani che credono nei valori di democrazia e libertà, per l'Italia che lavora, per il sindacato», ha dichiarato Walter Veltroni. «… Vittorio Foa incarnava ai miei occhi il modello del militante della democrazia, un uomo con una meravigliosa storia di sofferenza, di lotta e di speranza, un uomo della sinistra e della democrazia, mosso da un ottimismo contagioso e da un elevatissimo disinteresse personale. Penso che tutto il Paese senta Vittorio Foa come uno dei suoi figli migliori».
Vorrei unirmi a queste parole con tristezza e anche con orgoglio.
Grande Vittorio. Un saluto di cuore.

2 commenti:

Maura ha detto...

Vittorio, se esiste un lassù da qualche parte, aiutaci. Portatene qualcuno... è un momento piuttosto difficile. un bacio. Maura

Calogero Parlapiano ha detto...

un grande ci ha lasciato, ha dato tutto della propria esperienza ed intelligenza. hai fatto bene a ricordarlo. ciao

non sono ancora tra i tuoi link amici? :-(
a presto!!